Addressees as protagonists of reading book stories

children and their portrayal – a comparison of an Italian storybook for Italian – language schoolchildren during the Imperial and Royal Habsburg era and a German storybook for German-language schoolchildren in (pre-)fascist Italy

  • Annemarie Augschöll Blasbichler Unibz
##plugins.pubIds.doi.readerDisplayName## https://doi.org/10.4454/rse.v5i2.164

Abstract

I libri di testo sono scritti per i bambini. Le storie e le narrazioni che contengono sono un’autorappresentazione della società, dei suoi valori e delle sue idee. Il presente contributo analizza i testi contenuti in due libri di testi scolastici scritti per i bambini appartenenti a una minoranza linguistica del Trentino e dell’Alto Adige, durante il periodo storico dei contesti nazionalisti del 20esimo secolo. Principale focus d’interesse è la rappresentazione del bambino protagonista all’interno di tali storie e racconti.

Pubblicato
2018-12-03
Come citare
AUGSCHÖLL BLASBICHLER, Annemarie. Addressees as protagonists of reading book stories. Rivista di Storia dell‘Educazione, [S.l.], v. 5, n. 2, p. 157-183, dic. 2018. ISSN 2384-8294. Disponibile all'indirizzo: <https://rivistadistoriadelleducazione.it/index.php/RSE/article/view/164>. Data di accesso: 24 mar. 2019 doi: https://doi.org/10.4454/rse.v5i2.164.