La volontà rivisitata: Leonida Bissolati e le origini dell'Istituto Ala Ponzone di Cremona (1882-85)

  • Matteo Morandi Università di Pavia
##plugins.pubIds.doi.readerDisplayName## https://doi.org/10.4454/rse.v6i1.152

Abstract

Il saggio ricostruisce i progetti fondativi dell’Istituto Ala Ponzone di Cremona, voluto dal marchese Giuseppe Sigismondo Ala Ponzone come scuola di scultura e, al contrario, inaugurato più di quarant’anni dopo la sua morte come scuola per le arti ornamentali e meccaniche, in risposta ai mutati bisogni del tempo. La vicenda, che vide inizialmente protagonista il giovane Leonida Bissolati, assessore all’istruzione nella città lombarda, costituisce un caso interessante di trasformazione di senso di una tradizione filantropica legata alle élites locali, sotto l’influenza delle istanze democratiche allora emergenti.


The essay reconstructs the founding projects of the Ala Ponzone Institute in Cremona, imagined by the Marquis Giuseppe Sigismondo Ala Ponzone as a school of sculpture and, on the contrary, inaugurated more than forty years after his death as a school for ornamental and mechanical art, in response to the changed needs of the time. The story, which initially had as protagonist the young Leonida Bissolati, municipal councillor for education in the Lombard town, is an interesting case of transformation of the sense of a philanthropic tradition linked to the local élites, under the influence of the then emerging democratic issues.

Pubblicato
2019-05-19
Come citare
MORANDI, Matteo. La volontà rivisitata: Leonida Bissolati e le origini dell'Istituto Ala Ponzone di Cremona (1882-85). Rivista di Storia dell‘Educazione, [S.l.], v. 6, n. 1, mag. 2019. ISSN 2384-8294. Disponibile all'indirizzo: <https://rivistadistoriadelleducazione.it/index.php/RSE/article/view/152>. Data di accesso: 21 lug. 2019 doi: https://doi.org/10.4454/rse.v6i1.152.