L’insegnamento della ginnastica al di là del campanile

Genesi e sviluppo delle associazioni nazionali fra gl'insegnanti di ginnastica nell'Ottocento

  • Domenico Francesco Antonio Elia Università degli Studi "G. D'Annunzio" Chieti-Pescara
##plugins.pubIds.doi.readerDisplayName## https://doi.org/10.4454/rse.v5i1.119

Abstract

Il presente lavoro di ricerca si prefigge l’obiettivo di ricostruire i tentativi effettuati, a partire dagli anni Novanta dell’Ottocento, per cercare, attraverso l’unificazione delle due Associazioni di maestri di ginnastica, di uniformare l’insegnamento di tale disciplina superando le divisioni e i contrasti allora esistenti fra le due principali scuole di pensiero, l’una facente capo alla Società Ginnastica di Torino e agli insegnamenti di Obermann, l’altra, invece, fedele ai principi della «ginnastica italiana» concepita da Baumann. La «scuola torinese» si riconosceva nell’Associazione nazionale fra gl’insegnanti di ginnastica con sede a Roma, mentre quella «bolognese» aveva il proprio organo rappresentativo nell’Associazione italiana dei maestri di ginnastica con sede a Chioggia.

Pubblicato
2018-06-13
Come citare
ELIA, Domenico Francesco Antonio. L’insegnamento della ginnastica al di là del campanile. Rivista di Storia dell‘Educazione, [S.l.], v. 5, n. 1, giu. 2018. ISSN 2384-8294. Disponibile all'indirizzo: <https://rivistadistoriadelleducazione.it/index.php/RSE/article/view/119>. Data di accesso: 22 set. 2018 doi: https://doi.org/10.4454/rse.v5i1.119.
Sezione
Miscellanea